14.10.2018

Dopo aver visitato, il giorno prima, Spoleto e Rasiglia , ecco il turno di Gubbio.

Paese, sempre in provincia di Perugia, è caratteristico come del resto i vari paesi dell’Umbria. Anche qui, come a Spoleto, abbiamo preso la cartina della città, però non è che sia molto grande quindi è facile riuscire a vedere tutto tranquillamente. Devo dire che ne sono rimasta davvero incantata, tra monumenti e vicoli, ogni angolo di questo paese vi rimarrà a bocca aperta.

Poco prima di arrivare al centro abbiamo trovato un parcheggio gratuito e da li abbiamo iniziato la nostra visita.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Abbiamo notato un’ottima organizzazione per quanto riguarda il turismo, ad esempio considerando che il paese è tutto in salita, ci sono degli ascensori pubblici, sia alle spalle della Basilica di S. Giovanni più o meno, esattamente a via Baldassini, che portano a Piazza Grande e da lì, a via XX Settembre, fino alla Cattedrale e Palazzo Ducale. Si sa però che l’unico modo per poter ammirare ogni angolo è camminare a piedi, e noi non potevamo fare diversamente, ma la fatica viene sempre ben ricompensata.

Questo slideshow richiede JavaScript.

dav
dav
sdr
sdr

Arrivati a Piazza Grande ho avuto la sensazione di essere a S. Marino, molto simile a Piazza della Libertà.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per gli amanti della serie tv  “Don Matteo”, vicino a Piazza Grande c’è il bar dove sono state girate alcune scene.

Proseguendo la salita si arriva alla Cattedrale e  al Palazzo Ducale.

Da lì in poi è tutta discesa, per la mia gioia. Continuiamo il nostro giro “perdendoci” nei vicoli e devo dire che non mi aspettavo che fosse così bello questo paese, nonostante non sia così grande ha bisogno comunque di tempo per essere visitato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quei due giorni oltretutto a Gubbio c’è stata una gara di rally molto importante, la FIA Hill Climb Masters, per la grande gioia di Gabriele, appassionato da sempre di macchine.

 

 

Purtroppo dopo le 13 più o meno siamo andati via perché nel nostro tour c’era ancora Spello da visitare, e vi anticipo anche che ne sono rimasta innamorata; quindi se non siete mai stati a Spello continuate a seguirmi, il prima possibile pubblicherò anche un articolo su questo paese.

 

 ” Viaggiare è come innamorarsi, il mondo si fa nuovo”

dig
dig

 

-Grazy-

Annunci